Istituto Comprensivo Tommaso Grossi > Attività scolastiche > Rappresentazione teatrale “Shoah…voci da Auschwitz” alla secondaria
Ultima modifica: 28 gennaio 2020

Rappresentazione teatrale “Shoah…voci da Auschwitz” alla secondaria

Alla presenza della Dirigente Scolastica prof.ssa Sandra Moroni, dell’Assessore alle Pari Opportunità, Sabina Tavecchia, dell’Assessore alle Politiche per l’integrazione e la Pace, Nicola Violante, dei genitori degli alunni della scuola secondaria e degli insegnanti, il giorno 27 gennaio alle ore 18.30 in Auditorium è stata messa in scena la rappresentazione teatrale “Shoah…Voci da Auschwitz”, un testo costruito sulle testimonianze dei sopravvissuti al famigerato campo di sterminio. Mettere in scena una rappresentazione teatrale sulla Shoah non è stato facile, soprattutto per dei ragazzi di dodici anni. Ci siamo affidati però alle parole di chi ha vissuto in prima persona questo periodo tragico della nostra storia. I ragazzi si sono resi conto, attraverso le parole dei sopravvissuti, di quanto aberranti siano state le leggi razziali e tutto ciò che ne è conseguito. Rimane comunque ancora da capire il perché.  Un guardiano di Auschwitz, ad una domanda di Primo Levi appena arrivato al lager, rispose: “Qui non c’è perché”.

Il lavoro messo in scena, che sarà replicato per tutte le classi della scuola secondaria in due turni, è frutto della collaborazione, dello spirito di gruppo e della voglia di realizzare qualcosa insieme, non solo tra colleghi di varie discipline, ma soprattutto tra alunni di classi diverse. La recitazione, infatti, è stata integrata da momenti musicali d’autore con i nostri alunni di terza che hanno suonato, cantato e danzato.

Dopo un toccante intervento finale della Dirigente Scolastica, gli applausi dei presenti sono andati alla prof.ssa Oltolina, regista, alla prof.ssa Ruiba che si è occupata delle stupende scenografie, ai prof. Rossi e Vighi di musica, alla prof.ssa Ullo e alla prof.ssa Catalano che hanno collaborato, ma gli applausi più grandi sono andati a tutti gli alunni che hanno partecipato con emozione e bravura.

Postfazione_27 gennaio 2020